Poesia: lo spendaccione e la risparmiatrice

cieli_nuvole_004

Poesia: lo spendaccione e la risparmiatrice

Era estate e per evitare lo sbadiglio

la giovane età portava a questo consiglio

al solo divertimento ed al cantare

ballare ubriacarsi…ma si! senza mai lavorare

gioire della buona salute e della natura

senza del domani aver paura

ma c’era una donna che a questa esigenza non obbediva

preferiva lavorare, guadagnare, risparmiare era una donna attiva

lavorava e parte del guadagno lo avrebbe investito

mentre lo spendaccione riteneva più utile il vivere da divertito

spendendo e non mettendo niente da parte

si limitava soltanto ad una inutile arte

vide la donna e rimproverando

disse: “vieni a ballare e cantare con me e gioire della gioventù che sto provando

invece di stare tutto il tempo a lavorare ed a non godere,

ti avviso la vita è una, e la gioventù vola via come le primavere!”

la donna era una risparmiatrice sapeva bene che la giovane età…

da una età più anziana sarà seguita, e si dimostreranno le difficoltà

pensando che la salute sarebbe diventata debole affermò:

“meglio che risparmio pensando al giorno che incontrerò!”

“sappiamo che la brutta stagione prima o poi arriva

lo autunno e poi il freddo inverno..io mi rendo forte e resterò viva!”

lo spendaccione ugualmente la rimproverò dicendo:

“posso vivere di meno.. però una cosa pretendo

di vivere di sole gioie e divertimento provato

tanti giorni va bene.. ma non da ammalato!”

ma la donna risparmiatrice non si demotivava

sapeva il fatto suo ed era molto convinta di quello che provava.

Passò del tempo e questo per tutti è inevitabile

e lo spendaccione fu messo alla prova in modo inesorabile

Fu così che lo spendaccione invecchiò come vuole la natura selvaggia

si ammalò e non aveva denaro per curarsi come dispone la gente più saggia

in quanto era ormai vecchio per lavorare in modo concorrenziale

e nessuno gli dava incarichi lavorativi per pagarsi l’ospedale

pensò:” forse è meglio che io muoia…dovevo risparmiare quando potevo

eh si! dovevo gestire meglio la gioventù di cui disponevo!”

ma si accorse che la morte gli faceva troppa paura..

desiderava sempre vivere…ma aveva capito troppo tardi la cura

che ogni giorno di vita in più era sempre meglio del niente..

aveva freddo, aveva fame aveva bisogno di cure..come tanta gente

si ricordò allora della sua amica risparmiatrice

e pensò:” chiederò aiuto a lei..mi è sempre stata amica..lei mi aiuterà..é una benefattrice!”

e decise di andare a trovarla nonostante era senza grana

vide che la risparmiatrice era viva.. ma era diventata anziana

viveva in una bella casa… comperata con i suoi risparmi,

viveva al caldo e con la dispensa piena..non aveva ne preoccupazioni ne allarmi..

allor lo spendaccione busso alla porta..era tarda sera

la donna risparmiatrice aprì…. e capì chi era..

era lo spendaccione ormai reso vecchio dall’età tutto sporco e mal vestito..

“ti chiedo aiuto” disse lo spendaccione..apparendo rinsavito

“ho fatto male a deriderti quel giorno, una cosa è preferire di viver di meno,

un altra cosa è rendersi conto che quel momento è giunto davvero e non c’è un freno

ed io ho capito che non ho il coraggio di porre termine alla mia stolta vita..

la donna risparmiatrice lo sentì ..ci pensò un pò sù..ed a farlo entrare lo invita..

e gli disse “entra e scaldati vicino al mio camino con il fuoco

ti darò anche del cibo..hai capito vedo che la vita non è un gioco?”

il giorno dopo di buon mattino..lo spendaccione provava molta gratitudine

poichè aveva ricevuto solidarietà.. nonostante la solitudine

decise di collaborare nel dare aiuto a quella gentile signora

vedendo che il suo buon cibo aveva allontanato da lui la sua ultima ora..

volle impegnarsi nel pulire la stalla e gli animali ed i servizi situati nel cortile..

lo decise da lui..si! diventò più umile e più servile!

lo spendaccione aveva deciso di restare in quella casa accogliente

per vivere insieme a quella donna l’invecchiamento esigente

facendo del suo pessimismo un timore lontano

vivendo di carità e di buonismo umano….

fine

Autore: Egidio Zippone

Milano, 5 Luglio 2020

giudizio: divertente

voto: (da 5 a 10):9

Poesia: lo spendaccione e la risparmiatriceultima modifica: 2020-07-05T09:35:22+02:00da scrittore59

Lascia un commento