Favola: Perdonare è amore (per adulti)

.
INTRODUZIONE: esistono donne che amano il marito, anche se questi l’ha tradita, ma chi ama veramente può anche perdonare?
INIZIO
Favola: Perdonare è amore
Nel mondo delle favole, ma forse anche nella realtà,
viveva una donna (spirito femminile) chiamata Indulgenzia.
Aveva un problema era indecisa su chi sposare, era innamorata di due fratelli …uno si chiamava PRATICO (spirito maschile) e l’altro si chiamava IDEALE (spirito angelico).
Vedendola indecisa..il buon IDEALE disse: “ scegli PRATICO..lui ha bisogno di te più di quanto ne abbia bisogno io…io amo un’altra donna, ella si chiama PERFEZIONE (spirito femminile)…..quindi puoi amare e sposare PRATICO se lo vuoi”.
E così fu…. INDULGENZIA decise di sposare PRATICO ed i due andarono a vivere insieme in una bella casetta ai confini nel bosco lontano.
La coppia di sposini viveva felice ….lui era un bell’uomo e lei una donna molto amorevole.
Indulgenzia e Pratico…stavano bene insieme…il loro era un amore pieno di sentimento e di gentilezze.
Un mattino la moglie INDULGENZIA disse…..”marito va a caccia di conigli che mi servono per preparare il pranzo di domani…e l’uomo andò per il bosco…..pieno di spirito di avventura.”
Mentre l’uomo andava a caccia nel bosco..si inoltrò nella selva buia e cammina e cammina incontrò una vecchia strega dai capelli neri….che volle apparire all’uomo come una donna bella e giovane…..magia fu decisa dalla strega…. ed ella diventò una bella donna…l’uomo infatti si invaghì in preda alla magia di lei e si eccitò…..e la strega disse all’uomo: …..”bell’uomo hai sete …dai bevi questo vino chiamato “desiderio”…l’uomo incoraggiato bevve quel gustoso nettare…e si dimenticò all’improvviso di essere sposato….la strega lo convinse a tradire con lei e lui tradì……poi esausto….l’uomo si addormentò nel prato..sotto l’albero dell’oblio.
Quando l’uomo rinsavì si rese conto troppo tardi di aver danneggiato la fedeltà coniugale e la considerazione di se come bravo marito…..aveva molta sete… la gola era arsa qualcosa gli bruciava dentro……e si chinò per bere al ruscello della “verità”…..quando si accorse vedendosi riflesso nelle acque…..che la sua immagine era cambiata…dopo che aveva copulato con la strega e tradito quindi la moglie, dovete sapere che.il suo corpo si era trasformato in un demone…in un essere metà uomo e metà animale….l’uomo si spaventò…ebbe orrore di se…….e disse a se stesso:”con quale coraggio torno da mia moglie…in così fatte sembianze?”.
Ma dovette tornare……non sapeva dove andare…….e tornò dalla moglie….la quale lo vide e provò una grande pena per lui nel vedere il marito trasformato in un fauno orrendo.
Il marito all’inizio non voleva parlare..si vergognava troppo…poi obbligato dalla situazione raccontò tutto.
L’uomo chiese perdono alla moglie di averla tradita e di essere stato infedele alla promessa….la moglie capì…che il suo amore era diventato impuro..ma impietosita per la crisi di coscienza che provava il marito lo perdonò…infatti più una donna ama suo marito, più sente il bisogno di perdonarlo…ed i due coniugi si commossero entrambi e piansero insieme per il bene che provavano dimostrato dal loro perdonarsi….. dalle loro copiose lacrime sul pavimento si liberò un fluido roseo che come per miracolo avvolse il marito…..era lo spirito del loro amore…..
E fu un miracolo …a volte anche le cose impossibili accadono…..Pratico tornò pian piano in forma di uomo nella immagine….l’amore della moglie gli aveva ridato comprensione di se stesso….e la dignità di essere uomo ancora.
Pratico disse a Indulgenzia: “mi hai perdonato molto …ora sò che il tuo amore per me è veramente grande…..ora che mi hai dimostrato che mi ami tanto mia cara…sono consolato e starò più attento!” disse così Pratico e baciò sua moglie Indulgenzia.
Pratico nei giorni successivi, andò ancora nella foresta a caccia di conigli..e così rivide la strega..ella tentò di nuovo di ammaliarlo…ma l’uomo temendo di essere trasformato questa volta, se avesse tradito nuovamente, in un vero e intero animale ..questa volta resistette alla tentazione e non tradì e non mise a dura prova l’amore di sua moglie per lui.
Pratico cambiò strada e tornò a casa..restando fedele.
Così senza altri tradimenti i due coniugi passarono insieme giorni lieti..pieni di gentilezze e di amore.
Dalla loro unione in seguito nacquero due bambini…e furono chiamati Perdono e Ravveduto.
Morale
Noi tutti ringraziamo il Signore quando ci consiglia all’indulgenza…. la quale ci permette di recuperare chi ha peccato contro di noi anche più volte…..e per mezzo della sua praticità che noi peccatori troviamo il coraggio di tornare a vivere nella coerenza e nella saggezza… e riusciamo ancora ad ottenere pace dalla vita.
Nonostante ci sia qualcuno tra la gente che insista nel consigliare pignoleria nel giudicare e tendenza a condannare in eterno chi ha sbagliato……bisogna invece amare la gente e perdonarla…affinché tutti abbiano una speranza di pace….non vuol dire che il senso dell’amore diventerà per questo impuro…ma significa invece che se si ama davvero bisogna anche dimostrare di saper perdonare…infatti perdonare è amore…
Sembra per alcuni impossibile che una donna fedele accetti di convivere con un marito-peccatore, eppure capita, poiché non è solo l’adulterio che rende impura la vita di una persona.
.
fine
(Milano, Novembre 2004)

Autore: Egidio Zippone
Giudizio: Originale, interessante, romantico
Voto: (da 5 a 10): 9

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute e primo piano
L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi
Favola: Perdonare è amore (per adulti)ultima modifica: 2019-05-25T15:09:04+02:00da scrittore59

Lascia un commento