poesia: Tutti diversi tra noi e distinti

poesia: tutti diversi tra noi e distinti

una volta l’umanità si voleva tutta uguale

resa forte dall’essere tutti uniti nello stesso ideale

ma quando un uomo divenne il capo di questa forza unita

si mise contro gli dei e volle vincere la partita

gli dei non vogliono che gli uomini la pensano tutti in modo eguale

per loro è meglio che interpretano l’esistenza in modo individuale

agli dei importa che l’uomo sia e resti un suddito devoto

e non si voglia uguale per poi mettersi contro l’ignoto

e così quando il capo comandò l’umanità alla ribellione

gli dei divisero con una magia  l’umanità in più di un opinione

ora non sono più veri amici, liitigano tra loro gli esseri umani

molto spesso si fan la guerra e tra lor son villani

quando qualcuno di loro non ne può più

di solito chiede aiuto e consiglio ad un dIo..chessò a Visnù

vedendo gli dei, che l’umanità ha ancor bisogno di loro

si compiacciono di averla divisa in più parti: é stato un buon lavoro

solo gli dei  ora sono padroni del mondo

lo consigliano e lo sanno rendere felice infondo

solo gli dei sanno far restar il mondo capace

solo gli dei sanno convincere alla pace

che mai più l’uomo, contro gli dei si metta

se lo farà comanderanno gli altri a dargli quel che gli spetta

l’ateismo è solo una funzione mentale

che impedisce la troppa influenza spirituale

ma in realtà subiam ancor dello spirito il governo

siam combatutti con esso: tra il  Paradiso e l’Inferno

fine

Milano, Settembre 2010

 

 

poesia: Tutti diversi tra noi e distintiultima modifica: 2016-04-04T13:36:20+02:00da scrittore59

Un pensiero su “poesia: Tutti diversi tra noi e distinti

Lascia un commento